Analisi dei prezzi 8 marzo – Cointelegraph

Tratto da Cointelegraph, Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash, Ripple, Stellar, Litecoin, Cardano, NEO, EOS: Price Analysis, Rakesh Upadhyay, 8 marzo

 

Le notizie negative continuano a influenzare i mercati delle criptovalute, soffocando ogni tentativo di ripresa. Binance ha subito un attacco hacker e la SEC ha richiesto che le piattaforme di trading che si occupano di asset digitali si registrino come exchange.

In seguito, Binance ha fatto sapere che gli scambi illeciti sono stati annullati. I pirati informatici avrebbero addirittura perso alcune monete durante il loro tentativo di hacking.

(…)

In un’altra news, gli enti regolatori giapponesi si sono accaniti su Coincheck e su altri sei exchange. A causa di queste notizie, la maggior parte delle criptovalute stanno lottando per mantenere i loro livelli di supporto.

Vediamo l’andamento delle principali criptovalute.

 

BITCOIN

BTC/USD

Bitcoin non è riuscito a superare la soglia dei 12.200$ in tre occasioni nell’ultimo mese e mezzo. Quindi, tale livello è significativo. La criptovaluta guadagnerà momentum solo se riuscirà a rompere questo muro e a stabilizzarsi sopra i 12.200$

 

Negli ultimi due giorni, la coppia BTC/USD è scesa sia sotto il canale ascendente che sotto le due medie mobili. Il prossimo supporto si trova a 9,500$. Se anche questo dovesse rompersi, è possibile che si verifichi una caduta intorno agli 8.404$, che equivarrebbe ad un ritracciamento di Fibonacci del 61,8% sul pullback da 6.075,04$ a 12.172,43$.

Entrambe le medie mobili si sono appiattatite, quindi, se il livello di 9.500$ dovesse reggere, potremmo aspettarci possibili movimenti range bound.

I trader infragiornalieri proveranno a trarre profitto dal piccolo aumento a livello dei 9.500$, ma gli swing trader dovrebbero aspettare che la criptovaluta mostri un’interesse d’acquisto sostenuto.

ETHEREUM

ETH/USD

Ethereum ha subito una correzione in linea alle nostre aspettative. Il livello di 723,48$ equivale ad un ritracciamento di Fibonacci del 61,8% rispetto al recente pullback. Ieri, 7 marzo, la criptovaluta è scesa a un minimo di 725$, per poi rimbalzare.

Tuttavia, il rimbalzo non è stato considerevole. Se non dovesse superare l’EMA di 20 giorni e la linea di resistenza del canale discendente nei prossimi giorni, la coppia ETH/USD potrebbe cadere prima al livello di 654$ e poi a quello di 565$.

La criptovaluta diventerà positiva se riuscirà a superare il livello di 980$

BITCOIN CASH

BCH/USD

Anche se è stato rotto il supporto di 1.150$, Bitcoin Cash non è crollato a 950$, come avevamo previsto.  

Se la coppia BCH/USD non dovesse superare quota 1.150$ entro un paio di giorni, potrebbe crollare a 950$.

Il trend ribassista continuerà finché la criptovaluta verrà scambiata sotto le medie mobili.

RIPPLE

XRP/USD

Ripple sembra sottotono. Ieri, 7 marzo, non è riuscito a concretizzare i guadagni della spinta rialzista dal livello di 0,85$.

Di conseguenza, il prezzo ha di nuovo rotto il livello degli 0,85$. Se dovesse continuare a rimanere sotto questo supporto, potrebbe verificarsi una caduta verso i 0,7$.

La mancanza di acquisti a livelli inferiori rafforza l’ipotesi di un’ulteriore caduta della coppia XRP/USD

LITECOIN

LTC/USD

Dopo i segnali di ripresa dei giorni scorsi, Litecoin è diventato negativo. Ci aspettavamo una caduta verso la SMA di 50 giorni, ed è quello che è successo.

La coppia LTC/USD ha formato un pattern a triangolo discendente, che si concluderà con una rottura e si chiuderà sotto i 185$. Potrebbe crollare fino al pattern target di 115$, ma potrebbe trovare supporto a 160$ e 140$.

Le nostre stime ribassiste verranno invalidate se la criptovaluta riuscirà a superare i 215$.

Rispondi