Per il premio nobel Joseph Stiglitz il Bitcoin non ha alcuna funzione lecita: “abbiamo già un buon mezzo di scambio, si chiama dollaro”

Tratto da Business Insider Italia, Joseph Stiglitz, Nobel per l’economia: ‘Il Bitcoin non ha alcuna funzione lecita, abbiamo già un buon mezzo di scambio, si chiama dollaro’, Pedro Nicolaci da Costa, 29 gennaio

L’economista Joseph Stiglitz, vincitore del premio Nobel, sostiene che il Bitcoin non svolga alcuna funzione utile – tranne permettere di aggirare le leggi

Stiglitz, che ha chiesto che la criptovaluta sia messa fuori legge, ha dichiarato a Bloomberg Television da Davos (Svizzera): “Abbiamo un buon mezzo di scambio chiamato dollaro”.

Sostiene che regolamentare il Bitcoin significherebbe decretarne la fine – e pensa che questo sarebbe uno sviluppo positivo.

Non è certo un segreto che Joseph Stiglitz, economista vincitore del premio Nobel e professore alla Columbia University, non sia un grande fan del Bitcoin. Ha chiesto pubblicamente che la criptovaluta sia messa fuori legge, sostenendo che sia usata principalmente per scopi illeciti come il riciclaggio di denaro e l’evasione fiscale.

Sottoposto a domande insistenti sulla questione durante un’intervista su Bloomberg Television da Davos (Svizzera), dove si è tenuto il World Economic Forum, ha spiegato le sue ragioni in parole povere.

Essenzialmente, dice, il Bitcoin sta cercando di risolvere un problema che non è mai esistito.

“Abbiamo un buon mezzo di scambio chiamato dollaro”, ha detto a Tom Keene del programma Bloomberg Surveillance martedì mattina dalle vette innevate della Svizzera. “Possiamo effettuare scambi con quello. Perché la gente vuole il Bitcoin? Per la segretezza.

Il sistema bancario può muoversi verso un uso maggiore di pagamenti digitali e lo sta già facendo, ha aggiunto Stiglitz, “ma non c’è bisogno del Bitcoin per quello”.

“La mia sensazione è che se fosse regolamentato in modo che non si potesse usare a fini di riciclaggio di denaro e tutte queste altre cose, non ci sarebbe alcuna domanda relativa al Bitcoin”, ha detto. “Dunque se si regolamentano gli abusi si decreterà la sua fine.”

Il valore del Bitcoin ha subito un crollo negli ultimi tempi, dopo una fase rialzista mozzafiato che l’ha portato a un picco di quasi 20.000 dollari per un bitcoin. Il calo di valore è stato causato in parte dai timori di una maggiore regolamentazione in economie asiatiche di primo piano come la Corea del Sud e la Cina.

Rispondi