Verso nuovo criptoshock? Mercati pesantemente in rosso

Fino a ieri, i mercati delle criptomonete sono rimasti relativamente tranquilli per gran parte della settimana: tuttavia, nella giornata del 7 marzo la capitalizzazione totale di mercato è tornata nuovamente sotto quota 400 miliardi di dollari (da circa 430 miliardi), toccando un minimo di 390 miliardi. Oggi si attesta intorno a 400 miliardi. Secondo alcuni osservatori, il calo del mercato potrebbe essere dovuto ad un presunto attacco subito dalla piattaforma Binance, ormai una delle più grandi al mondo. 

Nelle ultime 24 ore, le principali 15 criptovalute hanno registrato un calo del valore tra il 7 e il 15%. Bitcoin (BTC) è rimasto tra 10.500$ e 11.600$ fino a ieri, prima di scivolare nuovamente sotto la soglia dei 10.000 dollari e toccare un minimo di 9.670 dollari . Oggi viene scambiato a circa 9.800 dollari, come mostrano i dati di CoinMarketCap.

 

 

Settimana decisamente negativa anche per Ethereum (ETH): è la terza volta che scende sotto quota 800$ dopo il pesante calo di inizio febbraio. Nelle ultime 24, ETH ha perso circa il 7%, toccando un minimo di 726 dollari nella giornata di ieri. Al momento viene scambiato a 743 dollari.

 

Giornata negativa anche per Ripple (XRP): dopo aver registrato un sensibile aumento di valore e raggiunto un massimo di 1,08 dollari nella giornata del 6 marzo, XRP è tornato nuovamente ad essere scambiato intorno a 0,85 dollari . Secondo Cointelegraph, il picco di ieri potrebbe essere attribuito all’annuncio del lancio di un’app di trasferimento instantaneo di denaro basata sulla tecnologia Ripple da parte del Japanese Bank Consortium. Tuttavia, il valore di Ripple ha risentito oggi del calo generale del mercato, al pari degli altri altcoin.

Tra le maggiori 10 criptovalute, le peggiori performance sono quelle di Monero (XMR), Cardano (ADA) e NEO (NEO), che nelle ultime 24 hanno perso rispettivamente il 14%, il 13% e il 10% del proprio valore.

Rispondi